LA GOLF GTI CLUBSPORT

È in corso il conto alla rovescia: nel 2016 la Golf GTI, l’icona delle vetture sportive compatte, celebrerà il suo 40° compleanno. Il lancio sul mercato del modello è infatti datato 1976. Per la GTI erano previsti solo 5.000 esemplari; a oggi sono state vendute più di due milioni di unità. Molte di queste vetture sono divenute col tempo dei classici, le GTI vengono collezionate, sono una passione. Per questo motivo nessun’altra auto in questo segmento può vantare una community di fan minimamente paragonabile. Il concept della Golf GTI è stato ulteriormente ottimizzato e perfezionato attraverso sette generazioni del modello. Per il suo 40° compleanno, all’inizio del 2016 la Volkswagen lancerà sul mercato un modello celebrativo della versione speciale: la nuova Golf GTI Clubsport – la GTI più potente di tutti i tempi.

Il motore turbo a iniezione diretta della Golf GTI Clubsport eroga una potenza di 265 CV, 35 CV in più rispetto alla Golf GTI attualmente più potente (Performance). Ma non è tutto: per un breve periodo, grazie alla funzione boost, il guidatore può incrementare la potenza del 4 cilindri di quasi il 10%, per complessivi 290 CV. La potenza supplementare viene richiamata tramite un movimento kickdown dell’acceleratore. I due classici parametri della potenza, accelerazione 0-100 km/h e velocità massima, illustrano concretamente il potenziale dinamico:
5,9 secondi* e 250 km/h*. Il modello celebrativo è tuttavia ancora più potente in virtù della sua capacità di mettere a disposizione un’enorme forza di trazione pressoché in ogni gamma di regime e a ogni velocità.

La Volkswagen non ha solo potenziato il motore turbo, ha anche rivisitato il design, gli allestimenti e l’aerodinamica. La GTI Clubsport si distingue, infatti, per un paraurti anteriore completamente rinnovato, nuovi listelli sottoporta, un diffusore posteriore anch’esso ridisegnato, uno spoiler sul tetto composto da più elementi e nuovi ed esclusivi cerchi forgiati in lega leggera. L’obiettivo che si desiderava raggiungere non era solo la differenziazione estetica della vettura sportiva.

La versione DSG è dotata di serie di Launch Control. Analogamente a quanto avviene nelle auto da corsa, la Golf GTI Clubsport può così sfruttare in modo ottimale nelle partenze da fermo, tutta la massima potenza di 290 CV.

Il cambio manuale la Golf GTI Clubsport raggiunge consumi NEDC (nuovo ciclo di guida europeo) di 7,0 l/100 km* (per corrispondenti 162 g/km di CO2*). Se è presente il cambio DSG, si raggiunge un valore di 6,9 l/100 km* (per 158 g/km di CO2*) . Nella versione con cambio manuale la Golf GTI Clubsport pesa 1.375 kg; con DSG il peso a vuoto è di 1.395 kg.

Come tutte le Golf GTI, anche la Clubsport viene offerta di serie con un telaio sportivo abbassato di 15 mm. L’asse anteriore monta sospensioni McPherson, quello posteriore sospensioni multilink.

Merita inoltre una menzione speciale il bloccaggio del differenziale a regolazione elettronica sull’asse anteriore. Rispetto ai bloccaggi puramente meccanici, il sistema impiegato sulla Golf GTI Clubsport offre vantaggi quali, per esempio, un grado di bloccaggio variabile e l’integrazione nelle funzioni ESC, EDS e XDS+. Così è possibile evitare del tutto gli effetti negativi sulla sensibilità e in particolare sulla precisione dello sterzo che si verificano con i bloccaggi meccanici. In riferimento al comportamento dinamico è possibile quindi fare sempre affidamento sull’intero potenziale, vale a dire sulla prestazione massima del bloccaggio trasversale, poiché il comfort non viene compromesso. Contemporaneamente non si verifica alcuna perdita di potenza.

Il modello celebrativo verrà offerto di serie (in Germania) con verniciatura bicolore con tetto nero in abbinamento alle tonalità Pure White, Rosso Tornado, Oryx White effetto madreperla, Argento Riflesso, Carbon Steel Grey Metallic e Urano Grey. Tutti questi colori sono disponibili anche senza il tetto nero. Come verniciatura monocolore è inoltre disponibile anche il Deep Black effetto perla.

All’interno dell’abitacolo di qualunque Golf GTI sono presenti dettagli iconici che appartengono imprescindibilmente a questo modello Volkswagen. Per esempio, sedili sportivi dal design ergonomico ed esclusivo con rivestimenti in tessuto scozzese (design Clark), cuciture decorative rosse, pomello della leva del cambio con design a pallina da golf e padiglione nero. Per la Golf GTI Clubsport questi emblemi di sportività sono stati personalizzati o reinventati. I sedili sportivi del modello celebrativo, per esempio, sono rivestiti in parte in Alcantara e, su schienali e sedute, c’è una fascia centrale caratterizzata da un motivo a nido d’ape; sugli schienali è inoltre presente il logo GTI. In Germania la Golf GTI Clubsport verrà offerta di serie con sedili sportivi a guscio; a richiesta, senza sovrapprezzo, sono disponibili anche i classici sedili sportivi GTI. Una linea rossa impreziosisce le cinture di sicurezza. L’impressione di qualità ad altissimo livello suscitata dagli interni viene inoltre rafforzata da inserti in design Wabe 40 (plancia e porte) e dagli eleganti elementi decorativi in Piano Black (consolle centrale e strumentazione). Sul fronte sportività l’inserto in Alcantara sulla leva del cambio, il nuovo elemento decorativo circolare sul pomello della leva, il volante sportivo rivestito in Alcantara, che offre pertanto un’eccellente presa (con emblema GTI, cucitura rossa e anch’esso con tacca a “ore 12”) e i tappetini personalizzati con inserto rosso parlano da soli. Non appena guidatore e passeggero anteriore aprono le porte, lo sguardo si posa sugli esclusivi listelli battitacco in acciaio inox con scritta GTI rossa. 

Categoria: Auto