LE NOVITA’ GOODYEAR AL SALONE DI GINEVRA 2016

Goodyear presenta al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra il pneumatico concept Eagle-360: una sfera collegata all’auto attraverso levitazione magnetica e realizzata con stampa 3D. Il concept sarà utilizzato per sviluppare i pneumatici del futuro.

Il pneumatico è stato progettato seguendo 4 elementi chiave: manovrabilità, sicurezza, connettività e biomimica, fondamentali per rispondere alle esigenze dei nuovi veicoli con guida autonoma che, secondo un recente studio effettuato da Navigant Research, entro il 2035 saranno 85 milioni in tutto il mondo.

La forma sferica di Eagle-360 è stata ideata per fornire la massima manovrabilità, grazie all’orientamento multiplo e antinausea, che consente alla vettura di muoversi in tutte le direzioni. In questo modo offre maggior sicurezza ai passeggeri, riducendo lo slittamento in caso di acqua e ghiaccio e facilitando il superamento di ostacoli improvvisi, perché agilmente effettuabile senza cambiare la direzione di marcia.

Inoltre, dato l’aumento della popolazione, soprattutto nelle aree urbane, e i problemi legati al sempre minor spazio a disposizione, grazie alla sua capacità di curvare a 360°, Eagle-360 faciliterà il parcheggio anche in spazi ridotti.

Eagle-360 sarà collegato al veicolo attraverso levitazione magnetica, che aumenta il comfort dei passeggeri e riduce la rumorosità.  

Altra caratteristica importante del nuovo concept è l’elevata connettività: i sensori all’interno del pneumatico registrano e regolano l’usura, rilevano le condizioni metereologiche e del manto stradale, comunicando tutte queste informazioni alla vettura.

A rivoluzionare inoltre il tradizionale approccio ai pneumatici, l’utilizzo della stampante 3-D per produrre il battistrada: con Eagle-360 sarà possibile personalizzare il pneumatico creando l’opzione ideale in base alla zona di residenza dell’automobilista.

Il concept è stato sviluppato avvalendosi delle ultime scoperte in campo biomimico, ovvero la scienza che prende ispirazione dalla natura, utilizzata da Goodyear nel processo di innovazione. Il battistrada riproduce il disegno di un particolare tipo di corallo (corallo - cervello), i tasselli e le scanalature multi-direzionali contribuiscono ad assicurare un’area di contatto sicura. Il fondo delle scanalature ha le stesse caratteristiche della spugna naturale, che si indurisce quando è asciutta e si ammorbidisce quando è bagnata, per offrire adeguate prestazioni di guida anche in caso di pioggia e una buona resistenza all’aquaplaning.

Goodyear ha svelato anche il pneumatico concept IntelliGrip, che grazie agli avanzati sensori di cui è dotato può supportare i sistemi di controllo dei veicoli autonomi. Il concept sarà utilizzato per sviluppare i pneumatici del futuro.

Si tratta dell’evoluzione del pneumatico con chip incorporato (Chip-in-Tire Technology) presentato nel 2014 a Ginevra e ora sempre più vicino a diventare una realtà.

Secondo uno studio del World Economic Forum, i veicoli con guida autonoma saranno una realtà nei prossimi 10 anni. L’evoluzione dell’industria automobilista segue i cambiamenti delle città, che si prevede avranno sempre meno zone centrali accessibili alle auto e dovranno ripensare gli spazi urbani, con aree di parcheggio ottimizzate e stazioni di ricarica per le auto elettriche.

Grazie all’avanzato sistema di sensori incorporati e all’innovativa struttura del battistrada, IntelliGrip riesce a percepire le condizioni meteo e del manto stradale. E’ in grado di ridurre lo spazio di frenata, offrire una migliore risposta in curva, ottimizzare la stabilità e persino supportare i sistemi anticollisione, aspetto molto rilevante per gli automobilisti, secondo l’U.S. Tech Choice Study, effettuato nel 2015 dalla società J.D. Power.

Goodyear ha sviluppato speciali algoritmi per monitorare e controllare la pressione e la temperatura del pneumatico e, di conseguenza, ottimizzare i sistemi di controllo del veicolo. Tutte le informazioni saranno comunicate al computer centrale, che adeguerà la velocità in base alle informazioni ricevute. Per esempio se il pneumatico rileverà un manto stradale scivoloso, il veicolo ridurrà automaticamente la sua velocità.

Il microchip dell’IntelliGrip è stato sviluppato insieme ad Huf, uno dei principali produttori mondiali di sistemi di bloccaggio meccanico e elettronico, di sistemi di controllo della pressione dei pneumatici e di sistemi telematici per l’industria automobilistica. 

Categoria: Pneumatici