TECHRULES a Ginevra 2017 presenta il design di produzione della supercar “Ren”

Techrules ha presentato al Salone Internazionale dell'Auto di Ginevra il design di produzione della sua prima supercar a propulsione ibrida seriale. 'Ren' sarà il primo veicolo di serie dell'azienda specializzata nella ricerca e sviluppo in ambito automotive con base in Cina, e adotterà la sua tecnologia proprietaria di powertrain ibrido con generatore a turbina TREV (Turbine-Recharging Electric Vehicle). 

Il design di ispirazione aerospaziale è ottimizzato per l'efficienza aerodinamica e presenta uno straordinario schema modulare basato su tre distinti abitacoli creato da Fabrizio e Giorgetto Giugiaro. Uno stile davvero spettacolare grazie alla capottina in stile jet da caccia che si solleva per consentire l'accesso agli occupanti e ad elementi futuristici come i gruppi ottici laser anteriori e i LED posteriori a forma di stella.

 

La Techrules Ren adotta un autotelaio molto leggero progettato e costruito in base agli standard più elevati da L.M. Gianetti, specialista internazionale nella realizzazione di auto sportive e da competizione con sede a Torino. Il layout modulare, pensato per le massime prestazioni, permette di configurare l'auto con una, due o tre capottine in policarbonato: una sola per l'uso in pista, due per la configurazione tipo ‘Le Mans’ con un unico passeggero oppure tre per accogliere il guidatore e due passeggeri.

 

Ren è la prima supercar elettrica di serie ad adottare il rivoluzionario sistema Turbine-Recharging Electric Vehicle (TREV) di Techrules presentato al Salone di Ginevra del 2016. La tecnologia di propulsione ibrida seriale offre livelli di efficienza e prestazioni mai raggiunti prima che si sposano a un ridottissimo impatto ambientale.

Saranno disponibili diverse configurazioni per adattare il gruppo propulsore alle precise richieste del cliente. La versione top di gamma – dotata di batteria da 25 kWh, due motori all'avantreno e quattro posteriori – eroga una potenza massima di 960 kW (1305 cv); l'autonomia è di 1.170 km con il serbatoio da 80 litri di gasolio (ciclo NEDC).

 

Ren si distingue ulteriormente per gli interni raffinati ed esclusivi grazie all'impiego dei migliori materiali oggi disponibili per una finitura di lusso. Gli abitacoli avvolgenti del guidatore e dei passeggeri sono rivestiti in cuoio italiano e alcantara, mentre per i sedili è utilizzato un tessuto denim prodotto da PT (Pantaloni Torino), azienda internazionale nel settore dell'alta moda.

 

La Techrules Ren adotta una grande varietà di nuove tecnologie, come i sistemi avanzati di assistenza al guidatore (ADAS, Advanced Driver Assistance Systems) e l'offerta di diverse modalità di guida. Nell'abitacolo del guidatore, al centro del volante si trova uno schermo autolivellante – rimane orizzontale anche a volante inclinato – che mostra informazioni relative alle prestazioni, mentre tre monitor riportano le immagini delle retrocamere che sostituiscono i tradizionali specchietti retrovisori.

L'avanzatissima supercar di Techrules offrirà ai suoi esclusivi clienti un mix unico di prestazioni straordinarie e un'incomparabile efficienza. Dopo la realizzazione della Ren, il sistema di propulsione innovativo e il concetto modulare della piattaforma saranno applicati a city car e auto adatte alle famiglie e potenzialmente a molti altri modelli derivati.

 

Il sorprendente design esterno della Techrules Ren è pulito, semplice e modulare; le linee seguono fedelmente la struttura sottostante dell'auto, in base al consolidato principio stilistico della forma che segue la funzione.

Davanti, le grandi prese d'aria esterne deviano l'aria verso i passaruota per raffreddare i freni anteriori carboceramici da 380 mm. I gruppi ottici anteriori, lungo i bordi delle grandi prese d'aria anteriori, adottano la tecnologia LED laser e comprendono indicatori di direzione dinamici.

La profondità dei passaruota appena sopra le ruote è la più ridotta possibile per contenere la superficie frontale, con pannelli laterali verticali e la parte posteriore raccordata per ridurre la resistenza. Il laterale dell'auto è fluido e semplice e, in combinazione con gli elementi di design aerodinamico, dà vita a un profilo puro e filante.

Lo stile dell'abitacolo, davvero originale ma funzionale, è del tutto in linea con le proporzioni equilibrate dell'auto e ne riflette il concetto esclusivo e l'obiettivo sull'aerodinamica. La capottina centrale in policarbonato si apre in modo spettacolare, elevandosi e poi traslando verso la parte posteriore, arrestandosi dietro gli occupanti. L'apertura è comandata da un pulsante nell'abitacolo oppure dall'esterno con il telecomando.

 

A compendio della decisa e originale forma esterna è la sezione trasparente centrale affiancata da due gusci di carrozzeria opachi. Questa soluzione serve a mostrare l'avanzata tecnologia e i componenti di alto livello del cuore dell'auto, elementi progettati e realizzati dallo specialista internazionale di auto da corse e sportive L.M. Gianetti. L'immagine di una linea scura centrale è creata dallo chassis in fibra di carbonio sottostante, visibile chiaramente sotto il solido guscio in policarbonato.

 

Posteriormente, appaiono in evidenza sotto la copertura in policarbonato anche le spettacolari turbine – una o due a seconda della specifica del modello – oltre alla cellula di protezione, che enfatizza la robustezza e la sicurezza dell'auto. Ancora più indietro, è visibile il bagagliaio da 60 litri, circondato dalla struttura delle sospensioni di tipo racing con i relativi componenti, veri gioielli della meccanica.

La terza luce di stop sembra galleggiare sopra la parte posteriore della capottina centrale ed è visibile attraverso le ali posteriori.

L'estremità posteriore della carrozzeria alloggia spoiler posteriori integrati di tipo attivo che possono estendersi insieme o in modo indipendente l'uno dall'altro per aumentare la stabilità e la deportanza a seconda delle circostanze.

Gli scarichi delle turbine fuoriescono da grandi aperture posteriori dall’aspetto futuristico e caratterizzate da LED capaci di creare un vivido effetto stella quando accesi. Le luci posteriori e gli originali indicatori di direzione restano nascosti finché non sono illuminati e circondano gli sfoghi posteriori per completare uno stile straordinario che nessun'altra supercar può vantare. C'è anche una luce antinebbia in stile racing al centro del pannello posteriore, insieme a una terza retrocamera.

 

L'individualità della Techrules Ren è ulteriormente esaltata dai raffinati interni di classe premium che offrono un'assoluta esclusività grazie all'impiego di materiali di lusso del livello qualitativo più elevato. Le accattivanti unità-abitacolo di conducente e passeggeri sono rivestite con le migliori pelli italiane e appagano gli occupanti in quanto coprono qualsiasi superficie si possa toccare. Nell'abitacolo del guidatore, il rivestimento comprende il pannello strumenti superiore che accoglie i tre monitor ad alta definizione per la visione posteriore.

 

Per esaltare ulteriormente la sensazione unicità che solo la maestria artigianale italiana sa trasmettere, i cuscini dei sedili sono rivestiti in un ricercato tessuto Denim prodotto da PT (Pantaloni Torino), azienda specializzata del settore dell'alta moda. La tessitura specifica è studiata per ancorare perfettamente gli occupanti al sedile evitando che scivolino in curva o in frenata in condizioni di guida sportiva.

La Techrules Ren adotta una ricca dotazione di nuove tecnologie che uniscono sistemi di assistenza avanzata alla guida (ADAS, Advanced Driver Assistance Systems) e avanzate soluzioni di connettività per offrire sicurezza e praticità agli utenti. Il display informativo si richiama all'aeronautica, imitando la strumentazione di un moderno elicottero.

 

La Techrules Ren sarà la prima supercar prodotta da un costruttore cinese e la prima supercar elettrica di serie alimentata da un sistema ad autonomia estesa a turbina.

Benché di fatto non abbia concorrenti, la Ren può essere classificata come un veicolo elettrico ad autonomia estesa a propulsione distribuita (motori elettrici multipli). In futuro

sarà disponibile anche una versione elettrica pura.