IL TEAM BMW RLL VINCE LA 24 ORE DI DAYTONA

Il Team BMW RLL ha vinto la 24 Ore di Daytona (USA). Quando il round di apertura del campionato IMSA WeatherTech SportsCar è stato sospeso a causa di forti piogge per la seconda volta, la BMW M8 GTE numero 25 e i piloti Connor De Phillippi (USA), Augusto Farfus (BRA), Philipp Eng (AUT) e Colton Herta (USA) capeggiavano la classe GTLM. La gara non è ripresa, lasciando i piloti BMW a festeggiare la vittoria.

Alessandro Zanardi (ITA), a bordo della vettura numero 24, è stato il centro dell'attenzione alla classica endurance in Florida. È stata una gara difficile per l'italiano e per i suoi compagni John Edwards (USA), Jesse Krohn (FIN) e Chaz Mostert (AUS). Alla fine, il quartetto torna a casa con un nono posto.

 

Quest’ultimo successo è stata la terza vittoria GTLM nella serie IMSA per la BMW M8 GTE. BMW ha festeggiato la sua prima vittoria a Daytona nel 1976 con la BMW 3.0 CSL. Nel 1997 e nel 1998 ha conseguito due vittorie con la BMW M3 GTR. I prototipi Daytona con BMW Power si sono aggiudicati la vittoria nel 2011 e 2013. Il Team BMW RLL è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio a Daytona.

 

De Phillippi, Farfus, Eng e il debuttante IMSA Herta hanno condotto una gara in gran parte senza problemi. Herta ha ottenuto il miglior tempo sul giro GTLM di 1:42.908 minuti al 64esimo giro. Durante la notte è iniziato a piovere, con conseguente deterioramento delle condizioni della pista da un giro all'altro. A sette ore dal termine, la 24 ore di Daytona è stata sospesa per ragioni di sicurezza per la prima volta. La gara è ripresa sotto bandiere gialle circa due ore dopo. In totale, la 24 Ore è stata interrotta dalle bandiere gialle 17 volte. Una volta tornati in pista, i piloti della BMW si sono impegnati per evitare di commettere errori e si sono stabiliti nel gruppo di testa. Un giro prima che la gara venisse sospesa per la seconda volta, Farfus, al volante della vettura numero 25, ha preso il comando della classe GTLM. È stato questo il momento decisivo della gara, che, essendo stata interrotta definitivamente, ha permesso ai piloti della BMW di dare inizio alle celebrazioni per questa vittoria epocale.

 

Con la prima sospensione di gara, Zanardi e i suoi compagni di squadra erano già indietro di diversi giri rispetto i leader della GTLM, a causa di una serie di soste per le riparazioni sulla vettura numero 24. Al termine di un pit-stop nelle prime fasi della gara, la vettura è stata abbassata dai martinetti pneumatici proprio nel momento in cui Alex Zanardi, che ha perso entrambe le gambe in un incidente nel 2001, stava spingendo il volante appositamente adattato in posizione sulla colonna. Come risultato della scossa, la colonna è stata danneggiata e Zanardi non ha potuto posizionare correttamente il volante. La coincidenza di queste due azioni non si era mai verificata nei test. I lavori di riparazione necessari hanno sottratto molto tempo all'equipaggio #25. Mentre la corsa continuava, la BMW M8 GTE è rimasta sempre più indietro a causa dei diversi piccoli incidenti. Tuttavia, ritirarsi non è stata un'opzione contemplata da Zanardi e dagli altri piloti. Nonostante abbia avuto poca fortuna in gara, la partecipazione dell'ex campione ChampCar a Daytona ha riscosso grande successo tra piloti, team e tifosi.

 

 

 

Turner Motorsport ha corso con la BMW M6 GT3 n. 96 nella classe GTD. Dopo 560 giri, il team e i piloti Jens Klingmann (GER), Bill Auberlen (USA), Dillon Machavern (USA) e Robby Foley (USA) hanno concluso al decimo posto.

 

Il fine settimana della gara è stato oscurato dalla notizia della morte improvvisa di Charly Lamm, team principal da molto tempo del team di Schnitzer. In ricordo di Charly, il Team BMW RLL ha gareggiato con le parole "Godspeed, Charly" sul retro di entrambe le BMW M8 GTE a Daytona.

 

 

Connor De Phillippi(#25 BMW M8 GTE, vincitore): "È stata una gara  folle, con pioggia e freddo. I miei compagni di squadra hanno fatto un lavoro fantastico. La macchina sembra ancora nuova, anche dopo 24 ore. Augusto, in particolare, è stato eccezionale sotto la pioggia. Siamo stati in grado di dimostrare che la nostra BMW M8 GTE è molto affidabile e competitiva in tutte le condizioni. L'intero team ha svolto un lavoro perfetto. Siamo vincitori di Daytona. Incredibile!"

 

Augusto Farfus(#25 BMW M8 GTE, vincitore): "Questa vittoria è magica e ha un significato speciale. Qualche giorno fa, ho perso una persona molto importante nella mia vita. Sono sicuro che Charly è stato al mio fianco nel raggiungere questo successo, quindi la vittoria è per lui. Adesso è tempo di festeggiare!"

 

Philipp Eng(#25 BMW M8 GTE, vincitore): "La tensione nelle ultime ore  è stata quasi insopportabile. Non abbiamo commesso errori per 24 ore - e questo è il risultato. Siamo stati in grado di prendere il ritmo degli altri sull'asciutto. Ma è impossibile descrivere cosa ha fatto Augusto nella pioggia. È stata una gioia vederlo e sono orgoglioso di avere un compagno di squadra del genere. Questa vittoria è per Charly".

 

 

 

Colton Herta(#25 BMW M8 GTE, vincitore): "È stato spettacolare! È stata  la mia prima gara GT di sempre - e con un risultato fantastico. La cosa migliore è stata la mia esperienza nella notte, quando i cinque migliori della classe GTLM erano vicinissimi e lottavano per la posizione. In quel momento Augusto è stato semplicemente incredibile sotto la pioggia. Ci ha condotti in testa. Non riesco ancora a crederci".

 

Alessandro Zanardi (#24 BMW M8 GTE, 9° posto): "Abbiamo una gara incredibilmente intensa alle spalle - vinta da BMW. Sono felice. Dopotutto, faccio parte del team, quindi mi sento un po' come un vincitore. Congratulazioni ai ragazzi. Augusto, in particolare, ha fatto un lavoro incredibile. Da un punto di vista sportivo, non abbiamo raggiunto i nostri obiettivi con l'auto numero 24. Mi sento incredibilmente dispiaciuto per tutti coloro che hanno lavorato così duramente a questo progetto, sia a Monaco che qui negli Stati Uniti. Abbiamo davvero testato innumerevoli scenari possibili durante la corsa verso la gara, ma durante il primo pit-stop si è verificato un imprevisto. Questo è il motorsport, dobbiamo solo accettarlo. A parte questo, la mia presenza qui a Daytona, con tutte le fantastiche reazioni di fan, colleghi e avversari, è stato come una fiaba.

Vorrei ringraziare la BMW Motorsport e il BMW Team RLL per una delle migliori esperienze della mia vita".

Categoria: Sport