TEST DRIVE VOLVO XC60: ISPIRATA FIDUCIA

Dici Volvo e subito arriva alla mente il massimo concetto automobilistico di sicurezza e solidità. Ma la Volvo negli ultimi anni è divenuta anche sinonimo di eleganza, ricercatezza nel design e prestazioni. Ne è un valido esempio la nuova XC60 che eredita il fascino della sorella maggiore XC90 recentemente rinnovata ma con peculiarità tutte sue. La XC60 per il Marchio svedese è stato un grande successo: basti pensare che negli ultimi tre anni è stato il SUV più venduto nell’area EMEA della sua categoria e che il precedente modello ha venduto quasi un milione di vetture in tutto il mondo di cui 40.000 unità nella sola Italia dal suo lancio avvenuto nel 2008. Per la nuova XC60 nel nostro Paese vi sono già oltre 1.000 ordini prima del lancio nel corso del mese di settembre ed una previsione di 1.500 unità per il 2017 e di 4.000 unità per il 2018.

 

Le motorizzazioni previste al lancio vantano potenze da 190 CV a 320 CV con cambio automatico e trazione integrale (diesel D4 e D5, benzina T5 e T8) ed una versione T8 ibrida da ben 407 CV con autonomia in solo elettrico di 45 km. Nel corso del 2018 arriveranno in Italia per la prima volta su una XC60 le varianti D3 e D4 FWD da 150 CV, motorizzazioni pensate prevalentemente per il nostro mercato e che, certamente, amplieranno ancor di più la richiesta della XC60.

 

I prezzi partiranno da Euro 48.500,00 per la versione D4 AWD da 190 CV con cambio automatico mentre le varianti da 150 CV partiranno con la D3 da Euro 44.500,00; top di gamma la versione T8 da Euro 70.350,00.

 

Dal punto di vista della sicurezza, emblema di Volvo, non dimentichiamo che la XC60 è stata la prima auto ad introdurre il sistema di frenata automatica City Safety già dal 2008. L’attuale XC60 continua l’implementazione di sistemi di sicurezza attiva con l’ Oncoming Lane Mitigation che fra i 60 e i 140 km/h aiuta il guidatore a evitare collisioni con veicoli che sopraggiungono nell’altro senso di marcia, il BLIS con assistenza alla frenata che individua veicoli in avvicinamento provenienti da dietro su entrambi i lati dell’auto (angoli ciechi), avverte acusticamente il guidatore del pericolo e se questi non reagisce tende a spostarsi lateralmente applicando una sterzata automatica per mantenere l’auto all’interno della corsia,il City safety con supporto di sterzata che tra i 50 e i 100 km/h aiuta il conducente a evitare una potenziale collisione con ciclisti, pedoni o animali di grandi dimensioni applicando una sterzata, il Run-off Road Mitigation che agisce applicando una frenata e una sterzata automatiche per aiutare il guidatore a rimanere in carreggiata ed il Pilot assist ovvero l’assistenza alla guida semi-autonoma di livello 1 attivo fino a 130 km/h che lavora su strade con segnaletica orizzontale ben definita con il guidatore che deve avere le mani almeno appoggiate sul volante ed alcuna necessità di una vettura davanti da seguire.

 

Abbiamo avuto  modo di testare la nuova XC60 tra i colli bolognesi in occasione del test drive per la Stampa Nazionale  ed il primo colpo d’occhio è caduto sul design esterno che richiama l’eccelso lavoro scandinavo di studio effettuato sulla maggiore XC90 con un frontale davvero imponente. Volvo non si è voluta, però, dimenticare del grande successo ottenuto con la precedente versione ed è chiaro il richiamo a questa con la fanaleria posteriore che ben sia armonizza con il nuovo design. Gli interni sono stati completamente rivoluzionati assieme ad un interfaccia facile ed intuitiva con un grande schermo centrale ed all’infotainment che adesso offre un ampia offerta di servizi attraverso la app Volvo on Call.

Provando su strada sia la versione D4 da 190 CV e sia la versione D5 da 235 CV, oltre alla grande silenziosità di marcia ci ha colpito l’eccellente tenuta di strada sia all’avantreno sia al retrotreno con lo sterzo  che si adatta alla velocità con un ottima risposta ed assenza di rollio diagonale.

 

Insomma ancora una volta ci si può ispirare alla Volvo XC60 con estrema fiducia. 

Categoria: Test drive
Allegati: file 1 (912.50 KB)