IL  PROGRAMMA  MAN  PER  L’ELETTROMOBILITÀ  

Lo   sviluppo   tecnologico   del   mondo   del   trasporto   merci   è  influenzato   soprattutto  da  tre  megatrend:  elettrificazione,  automazione  e  connettività.  

MAN conosce  le  sfide  che  l’attendono,  differenti  a  seconda  che  ci  si  sposti   dai  centri  urbani  ai  trasporti  su  lunghe  distanze.  Nel  primo  caso  le  alternative   ruotano  soprattutto  attorno  alla  eMobility  ma,  avendo  sempre  ben  presente   l’esigenza  dei clienti  di  avere  il  migliore  TCO  (Total  Cost  of  Ownership),  si   devono   individuare   le   soluzioni   più   idonee   in   funzione   della   tipologia   d’utilizzo,   cercando   di   ottimizzare   efficienza,   autonomia   e   affidabilità.   Gli   obiettivi  sono  quindi  zero  emissioni,  riduzione  del  rumore  nei  centri  urbani  e   maggiore  efficienza,  quindi  riduzione  dei  consumi  e  delle  emissioni  di  CO2,   nel lungo  raggio.  

Considerando   che   il   tema   della   riduzione   della   CO2   prodotta   dal   traffico   è   molto   dibattuto   ai   vertici   europei,   eventuali   regolamenti   e   restrizioni   potrebbero  accelerare  ulteriormente  la  corsa  allo  sviluppo  di  veicoli  elettrici.   Questo   porterebbe   anche   benefici   effetti   sul   TCO,   se   supportato   da   una   produzione   che   sfrutti   adeguate   economie   di   scala   e   da   un   massiccio   potenziamento  delle  infrastrutture  di  ricarica.      

 

Confronto  tra  le  diverse  tecnologie  sul  lungo  raggio  

Analizzando   il   TCO   di   un   flottista   impegnato   su   rotte   a   lungo   raggio   in   Europa,  per  il  periodo  2017-2020-­2030,  si  evince  che  la  trazione  elettrica  è   quella  che  genererà  le  più  significative  riduzioni  dei  costi.  Questo  grazie  a  un   calo   del   prezzo   delle   batterie   e   a   ricariche   sempre   più   rapide,   nonché   all’implementazione  delle  infrastrutture.  Quindi,  nel  lungo  periodo,  le  trazioni   elettriche   complete   dovrebbero   avere   una   riduzione   del   TCO   del   20--30%.   Invece,  il  metano  (LNG/CNG)  non  mostra  sostanziali  miglioramenti  a  causa   dei  limiti  infrastrutturali  che  ne  portano  a  un  progressivo  abbandono,  anche   in  considerazione  di  un  TCO  molto  simile  alle  trazioni  diesel.    

L'adozione  dei  BEV  (Battery  Electric  Vehicle)  è  favorita  da  un  incremento  del   TCO,   anche   se   nel   breve   periodo   i   principali   fattori   che   ne   rallentano   l’adozione   sono   le   differenze di   disponibilità   di   infrastrutture   di   ciascun   Paese,   i   limiti   del   carico   utile   e   i   tempi   di   ricarica.   Per   questo   ibridi,  biocarburanti  e  gas  avranno  un  ruolo  significativo  ma  solo  in  un  periodo  di   transizione  (tecnologie  di  collegamento).  Ne  consegue  che  la  parità  di  TCO   tra   elettrico   e   trazioni   a   combustione   interna   ICE   (Internal   Combustion   Engine)  sarà  più  rapida  nei  Paesi  con  alto  prezzo  del  gasolio  e  basso  prezzo   dell’elettricità,   come   Svezia   e   Regno   Unito,   e   più   lenta   dove le   condizioni   sono  invertite,  come  la  Germania.  Senza  dimenticare  la  variabile  legata  agli   interventi  governativi  nello  sviluppo  delle  infrastrutture  di  ricarica.  

Fondamentale  nell’adozione  dei  veicoli  elettrici  sono  quindi  i  progressi  nella   tecnologia   delle   batterie   e   delle   unità   di   ricarica,   in   particolare   per   l’elettrificazione  del  segmento  a  lungo  raggio.  Per  la  tecnologia  della  batteria   si   può   ipotizzareuno   sviluppo   della   capacità   energetica,   in   modo   che   le   attuali   perdite   di   due,tre   tonnellate   di   capacità   di   carico   nel   lungo   raggio   potranno  essere  ridotte,  nel  2030,  di  oltre  il  50%.  Questo  handicap  potrà  però   essere   mitigato   dalla   legislazione   (per   esempio,   una   tonnellata   di   peso   aggiuntivo  per  i  BEV).  Per  le  infrastrutture  di  ricarica,  in  seguito  alla  crescita   della   domanda   di   veicoli   elettrici,   molti   grandi   player   stanno   investendo   su   queste  infrastrutture  e  relative  reti.  Inoltre,  lo  sviluppo  della  ricarica  rapida  è   promettente:  con  una  distanza  di  circa  300  chilometri  l’una  dall’altra  (4,5  ore  di   guida  tra  le  pause,  meno  di   400  km  di  autonomia  richiesta,   45  minuti  di   tempo   di   ricarica).   Inoltre,   le   reti   elettriche   attuali   possono   supportare   un   incremento    del    20-­30%    di   veicoli    elettrici    circolanti    senza   interventi   particolari,  ma  per  rispondere  al  100%  è  necessaria  una  ricarica  intelligente   e  l’adeguamento  della  rete.  

Per   contro,   non   si   prevede   che   l’infrastruttura   CNG   raggiunga   una   implementazione   significativa   per   il   basso   numerodi   veicoli   a   metano,   nessun  investimento  governativo  significativo,  basso  impatto  sulla  riduzione   di   CO2.   Inoltre,   l’infrastruttura   CNG   è   costosa   rispetto   ad   altre   soluzioni   e   potrebbe   essere   ulteriormente   rallentata   da   una   più   severa   regolamentazione  delle  emissioni  di  gas  serra,  poiché  sotto  questo  aspetto  i   benefici  del  metano  sono  discutibili.  

In  conclusione:  

le   trazioni  diesel  sono  nel  breve  periodo  la  tecnologia  più  efficiente   per  i  trasporti  a  lungo  raggio; 

il   metano/GNL   (a   base   fossile)   non   riduce   in   modo   significativo   le   emissioni  di  CO2;

l’eMobility  a  emissioni  zero  è  favorita  da  molti  governi  europei;  

le  trazioni  elettriche  al  100%  BEV  nel  medio  periodo  (2024-­28)  hanno   un  TCO  allineato  al  diesel;  

nel   lungo  periodo  si   registra   un   significativo  vantaggio  del  TCO  dei   BEV  rispetto  ai  motori  a  combustione  interna;  

i   progressi   nella   tecnologia   delle   batterie   e   delle   infrastrutture   di   ricarica  contribuiranno  all’elettrificazione  anche  dei  trasporti  a  lungo   raggio.  

  

Approccio  e  soluzioni  MAN  

MAN   Truck   &   Bus   sta   sviluppando   in   Austria   il   progetto   eTruck   CNL  (acronimo   di   Council   für   nachhaltige   Logistik)   in   partnership   con   questa   importante  associazione  per  la  logistica  sostenibile  e  con  le  principali  società   della   logistica   alimentare   europee.   Protagonisti   nove   MAN   TGM   6x2   e   un   TGM   4x2  realizzati  dalla  Steyr,  i  primi  MAN  elettrici  costruiti.  Questi  eTGM   sono   la   proposta   MAN   per   le   attività   logistiche   all'interno   della   città:   100%   elettrici   con   emissioni   zero   sia   di   CO2   sia   di   NOx,   silenziosi,   con   un’autonomia   fino   a   200   km.   I   field   test   sono   iniziati   alla   fine   dello   scorso   anno  e  stanno  procedendo  con  successo.    

Per  l’ultimo  miglio  e  le  distanze  medie  urbane,  la  proposta  diMAN  Truck  &   Bus  è  l’eTGE,  che  ha  una  portata  utile  di  900  kg,  una  velocità  massima  di  95   km/h  per  un’autonomia  di  70 km,  con  un  rapporto  guida/soste  fino  al  95%  di “guida”  e  una  media  di  40  stop  al  giorno,  ma  punte  anche  oltre  i  100  stop.  In   prospettiva  l’impiego  di  van  elettrici  in  Europa  prevede  una  quota  del  5%  nel   2020   che   crescerà   fino   al   35%   nel   2030.   

Per  accompagnare  i  propri  clienti  in  questo  percorso  di  avvicinamento  alla   trazione   elettrica,   MAN   Truck   &   Bus   ha   creato   un   gruppo   di   consulenti   specializzati   in   grado   di   fornire   un   supporto   personalizzato   alle   aziende   di   trasporto   e   alle   autorità   locali   in   merito   alla   scelta   dei   veicoli   e   delle   infrastrutture  di  ricarica  e  approvvigionamento  energetico,  oltre  all’assistenza   e  manutenzione  dei  mezzi.  

Deve  essere  chiaro  il  concetto  che  non  si  tratta  semplicemente  di  sostituire  i   veicoli,  ma  si   deve  avviare  un  vero  e  proprio  cambiamento  di  sistema  che   parta  dalla  situazione  attuale  e  si  ponga  una  serie  di  domande:  quale  parte   della  rete  può  essere  “elettrificata”  senza  modifiche?  Cambiando  i  veicoli  si   dovranno  rivedere  anche  le  rotte  e  le  metodologie  interne?    

In   pratica,   si   dovranno   riconsiderare   le   percorrenze   giornaliere   dei   singoli   mezzi,  le  pause  per  le  ricariche  (intermedie  e  notturne)  e  il  posizionamento   delle   relative   strutture.   Poi si   dovranno   ottimizzare   i   costi   della   ricarica   in   base  ai  prezzi  dell’energia  e  alle  relative  fasce  orarie  sviluppando  specifici   profili  di  ricarica.

Categoria: Trasporti