PER SCANIA IL TELAIO DEL FUTURO È IN COMPOSITO E PESA IL 40% IN MENO

Nuove ricerche svolte da Scania e dallo KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma hanno dimostrato che l’uso di materiali compositi nella struttura del telaio di veicoli per il trasporto di merci e persone consente di ridurne il peso fino al 40%. L’innovativo telaio permette di massimizzare la capacità di carico e ridurre i consumi.

L’impiego di nuovi materiali leggeri e resistenti come compositi giocherà un ruolo di primaria importanza nel trasporto pesante del futuro, soprattutto per quanto riguarda bus urbani e veicoli per distribuzione.

A rivelarlo è Scania che, in cooperazione con il ricercatore Magnus Burman dello KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, sta studiando il potenziale di utilizzo di materiali leggeri sia nella struttura dei telai che in altre parti portanti del veicolo.

“I nostri studi dimostrano che, sostituendo componenti strutturali con materiali più leggeri, è possibile ridurre la tara fino al 40%”, ha evidenziato Burman.

L’obiettivo è quello di diminuire la tara al fine di massimizzare la capacità di carico dei veicoli e garantire un’importante riduzione sul fronte dei consumi. Da sottolineare inoltre la maggior libertà progettuale dei materiali compositi.

Gli studi svolti al fianco dello KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma sono un’ulteriore dimostrazione del costante impegno di Scania sul fronte della ricerca e dello sviluppo. L’obiettivo è quello di offrire soluzioni e servizi sempre più su misura, in grado di rispondere al meglio alle esigenze dei clienti e garantire loro massimi livelli di profittabilità.

Categoria: Trasporti