RENAULT MORPHOZ

Avvicinati, l’auto ti saluta. Ti ha riconosciuto, ti dà il benvenuto. Sali a bordo e lasciati andare a un’esperienza inedita: sei in un veicolo intelligente e modulare che spinge oltre tutti i limiti. Un veicolo su misura, che si adatta a tutti gli utilizzi, sia quelli della vita quotidiana per brevi spostamenti che quelli che richiedono un raggio d’azione più ampio. Un veicolo personale, da condividere quando non si utilizza. Un veicolo pensato per integrarsi in una varietà di ecosistemi e favorire gli scambi. Un veicolo autonomo per guidare e lasciarsi guidare. 

Questo veicolo futuristico rappresenta la visione di Renault della mobilità elettrica personale e condivisa dell’era post 2025. Si chiama MORPHOZ e si avvale della futura piattaforma modulare elettrica CMF-EV dell’Alleanza, per proporre diverse configurazioni di potenza, capacità e autonomia, ma anche abitabilità e volume di carico. 

Fedele al DNA della Marca, la concept car MORPHOZ incarna il petalo Famiglia del ciclo della vita che rientra nella strategia design di Renault. Ma non rimanda solo a una visione sperimentale della mobilità. A livello di design, dettagli e presentazione degli interni, prefigura anche una nuova famiglia di modelli elettrici Renault che vedremo nei prossimi anni. 

Il principale ostacolo all’acquisto dei veicoli elettrici resta l’autonomia – reale o presunta – che viene loro conferita, ma questa idea restrittiva della mobilità elettrica è destinata a scomparire a breve. La concept car Renault MORPHOZ ne è la migliore dimostrazione.  

 

Renault MORPHOZ è un concept di crossover modulare full electric ricaricabile ad induzione, anche durante la guida. È connesso e dotato di funzioni di guida autonoma di livello 3. Proprio come per la concept car SYMBIOZ, svelata nel 2017, si tratta di un veicolo personale, ma comunque dotato di specifiche funzioni di condivisione.  

 

La modularità di MORPHOZ appare evidente dalla trasformazione fisica tra le due versioni: la versione corta “City” e la versione lunga “Travel”. Questo veicolo è, infatti, in grado di adattarsi ai momenti della vita dei suoi utenti, tra utilizzo quotidiano e partenza per le vacanze, ad esempio. 

 

Proprio per questo, la versione “City” è dotata di una capacità delle batterie adeguata per rispondere alle esigenze della vita quotidiana, mentre la versione “Travel” può incamerare una capacità aggiuntiva per poter intraprendere viaggi su lunghe distanze, ad esempio, sulla rete autostradale. 

 

City Mode

Nella versione “City”, Renault MORPHOZ ha una lunghezza di 4,40 metri. Grazie al passo straordinario per la lunghezza, pari a 2,73 metri, può alloggiare senza problema le batterie da 40 kWh di cui è dotata di serie, pur “restando leggera” ed evitando inutili sovraccosti. All’interno, l’abitabilità è degna di quella dei modelli del segmento superiore. 

In questa configurazione, MORPHOZ presenta una firma luminosa specifica, con uno sguardo deciso, sottolineato da segmenti LED aggiuntivi. Anche lo stile è più pronunciato, con cofano corto, paraurti scolpiti e l’assenza di sbalzi che relegano le ruote ai quattro angoli, per trasmettere tutta l’agilità di una citycar dotata di motore elettrico. 

 

Travel Mode

Nella versione “Travel”, Renault MORPHOZ ha una lunghezza di 4,80 metri.  Anche il passo si allunga proporzionalmente, raggiungendo i 2,93metri, cosicché la trasformazione aumenta sia la capacità di stoccaggio delle batterie che lo spazio interno. Diventa così possibile integrare batterie supplementari da 50 kWh (per una capacità totale di 90 kWh) e offrire ai passeggeri più spazio per le gambe e per due bagagli in più. A questo punto, Renault Morphoz è pronta per affrontare le lunghe percorrenze, tanto più che la trasformazione le permette di ottimizzare l’aerodinamicità, grazie ad un profilo e un muso più affusolati. La versione “Travel” si distingue per l’identità frontale specifica. 

 

Un abitacolo adattivo per il conducente e i passeggeri

Quando il conducente si avvicina, la concept car Renault MORPHOZ avvia un’animazione luminosa per segnalare che ha rilevato e riconosciuto, tramite i suoi sensori, chi prenderà posto al volante. Basta un gesto con la mano per sbloccare il veicolo e aprire le porte. L’apertura contrapposta, abbinata all’assenza di montante, facilita l’ingresso dei passeggeri a bordo, consentendo di scoprire un abitacolo caloroso, rischiarato dal giallo del tessuto dei sedili e della consolle centrale. Proprio come la carrozzeria, anche l’abitacolo si trasforma per adattarsi alle esigenze del conducente e dei passeggeri.

 

Il conducente si avvale di un volante futuristico al cui centro un display da 10,2” mostra le principali informazioni di guida e sicurezza. Dietro al volante, c’è una plancia avvolgente, che sembra essere priva del tradizionale cruscotto e senza schermo multimediale. 

È su richiesta del conducente – che può pertanto decidere di liberarsi completamente degli schermi, spesso numerosi nei veicoli odierni – che la plancia si apre per consentire allo schermo LIVINGSCREEN di uscire con una cinematica all’avanguardia. Questo grande schermo unico, su richiesta, visualizza informazioni di guida e videate del sistema multimediale. 

Questo cambiamento di configurazione è disponibile nella modalità di guida manuale ed autonoma. 

 

L’abitacolo di MORPHOZ è dotato di una modalità di “Condivisione” che permette ai passeggeri – ma non al conducente, che ha sempre lo sguardo rivolto verso la strada – di ritrovarsi seduti gli uni di fronte agli altri per i momenti di confronto e condivisione delle attività. 

Per questo, il sedile passeggero anteriore, dalla forma assolutamente simmetrica, può rigirarsi avanti e indietro ritrovandosi nel senso opposto, orientato al posteriore. I passeggeri potranno allora approfittare della consolle centrale trasversale e del grande schermo per sentirsi come in un salotto.

 

Quando MORPHOZ passa da City Mode a Travel Mode, i sedili passeggeri posteriori ne approfittano automaticamente dell’aumento di spazio interno per arretrare. 

I passeggeri hanno così più posto per le gambe. Possono anche stare seduti come su poltrone in salotto, intorno al tavolo, rappresentato dallo schermo della consolle centrale trasversale. 

 

Guida autonoma di livello 3        

La concept car Renault MORPHOZ è dotata di guida autonoma di livello 3 sui 5 stabiliti da SAE International. Questo livello, anche noto come “Eyes off - Hands off”, consente al conducente di togliere le mani dal volante, delegando al veicolo la guida in un certo numero di situazioni stabilite e su strade autorizzate. Ad esempio, in autostrada o in caso di ingorghi sulle strade a percorrenza veloce. 

Il veicolo è in grado di gestire la distanza rispetto a chi lo precede, mantenersi nella carreggiata anche in curva e destreggiarsi nel traffico intenso. Ma il conducente deve essere in grado di riprendere in mano la situazione molto velocemente (nel giro di pochi secondi) su richiesta del sistema. Ciò accade, in particolare, quando il brutto tempo o l’assenza di segnaletica orizzontale, ad esempio, impediscono una buona visibilità. Ecco perché il volante di MORPHOZ rimane sempre al suo posto, anche quando il grande schermo del cruscotto si ritrae nella plancia. 

Con il livello 3 di guida autonoma, il conducente ha sguardo e mani libere, quando delega la guida al veicolo. Può utilizzare il sistema multimediale dell’auto per dettare le e-mail e gli SMS o leggere contenuti multimediali, ad esempio. 

 

 

L’essenza di Renault in 8 caratteristiche

 

Volante 

Il cristallo punteggiato da linee luminose da cui è composto l’interno del volante avveniristico comprende pulsanti di comando sensibili a feedback aptico. Tra questi, c’è quello che consente al conducente di accedere ai settaggi MULTI- SENSE.

 

Plancia 

La plancia flottante della concept car Renault MORPHOZ cinge la parte anteriore dell’abitacolo fino al livello delle maniglie delle porte abbracciando gli occupanti. Grazie alla piattaforma CMF-EV, è più protesa verso il parabrezza e meno ampia delle solite plance, garantendo maggior spazio a bordo. 

 

Pulsanti tattili 

La tipica leva di selezione delle modalità di guida dei veicoli elettrici è sostituita da quattro pulsanti tattili (P, R, N e D) posizionati all’inizio della consolle per fare spazio e facilitare i movimenti del conducente e del passeggero. 

 

LIVINGSCREEN 

Lo schermo LIVINGSCREEN della concept car MORPHOZ incarna l’intelligenza che si ritrova nella vita a bordo del veicolo. Questo display OLED scolpito visualizza su tutta l’ampiezza di 80 centimetri informazioni su guida, navigazione ed entertainment. Le sue primissime versioni erano già disponibili sulle concept car TreZor del 2016 e SYMBIOZ del 2017. 

 

Materiali riciclati 

Come il tessuto dei sedili di Nuova ZOE, anche l’abitacolo della concept car Renault MORPHOZ utilizza tanti materiali riciclati: legno del pianale, plastica dei pannelli interni delle porte, tessuto dei sedili, ecc.  Sono stati progettati / realizzati da aziende responsabili come Aggebo & Henriksen (Danimarca), Gudbrandsdalens Uldvarefabrik AS (Norvegia) e Plasticiet (Paesi Bassi).

 

Vani portaoggetti 

Gli aspetti pratici non sono certo dimenticati per i passeggeri che possono contare su un vano portaoggetti posizionato sulla consolle centrale. 

 

Sedile basculante 

Il sedile passeggero anteriore è basculante in modo da poter posizionare l’occupante di fronte ai passeggeri seduti dietro in modalità Condivisione. Questa modularità non può far altro che rievocare ciò che era già possibile a bordo della prima generazione di Espace negli anni 1980. 

 

Illusione

Il pianale della concept car Renault MORPHOZ e il gioco cinetico che si verifica tra le sue righe gialle e nere rimanda al mondo “Opt Art” del pittore  Victor Vasarely, che ha realizzato più di una quarantina di opere durante la sua collaborazione con Renault.

 

Scheda tecnica concept car Renault MORPHOZ 

 

Lunghezza: 4,40 m (versione City) / 4,80 m (versione Travel)

Larghezza: 2 m

Altezza: 1,55 m

Passo: 2,73 m (versione City) / 2,93 m (versione Travel)

Motorizzazione: 1 motore elettrico 

Batterie: 40 kWh (versione City) / 90 kWh (versione Travel)

Potenza: 100 kW (versione City) / 160 kW (versione Travel)

Ricarica: induzione statica e dinamica 

Ruote motrici: anteriori 

Connettività interna: 5G

 

Connettività infrastrutture: Wi-Fi G5

Categoria: Concept